www.sciupafemmine.it

www.sciupafemmine.it

Caratteristiche

Quando ama, lo sciupafemmine è fedele: completamente, senza se e senza ma. La sua fedeltà non è un punto di partenza: è il corollario del suo atteggiamento verso il mondo. Lui desidera quel che ha: non fa nulla che non voglia pienamente, e con tutto se stesso. E’ per questo motivo che il tradimento o il doppio gioco in amore per lui non hanno senso. Insomma: un uomo innamorato, attento, fedele, pieno di vita, entusiasta del mondo, e di lei: può una donna chiedere di più, o di meglio? Conquistate dalla sua autenticità e leggerezza, le donne cadono letteralmente ai suoi piedi. Suscitando l’invidia degli altri uomini, che vorrebbero assomigliargli. Ma questo è il problema: vorrebbero essere come lui per avere molte donne, ma non per amarle: per poterne disporre a piacimento. Un atteggiamento opposto a quello dello sciupafemmine, che – contrariamente a quanto si pensa - non è un collezionista di donne. E’ vero che la quantità di contatti, e la sua grande energia, in genere lo portano ad averne tante: ma sempre una per volta. Ed ogni volta, con un’adesione totale a quella con cui sta in quel momento. Lo sciupafemmine è dunque monogamo. Per lui l’amore è eterno. Finchè dura. Quest’ultima affermazione sembra cinica, ma non lo è. Non significa che tutti gli amori sono destinati a finire: e che quindi, l’amore non esiste.

Per lo sciupafemmine, l’amore esiste, altro che: lui si innamora “di amore eterno” tutte le volte. Una larga parte degli sciupafemmine, prima o poi, trova quell’amore che dura tutta la vita. E comunque, vive ogni storia d’amore come se fosse la prima. O l’ultima. Ma può anche accadere che quell’amore, che egli stesso ha acceso e alimentato, svanisca. In questo caso, lo sciupafemmine se ne va. Lo fa perché è sincero: se si innamora di un’altra, non fa il doppio gioco. Lo dice: con chiarezza, e semplicità. A questo punto, la donna che sta con lo sciupafemmine, più che sentirsi franare il terreno sotto i piedi, sente allontanarsi quel cielo che aveva toccato con un dito. E così, mentre prima si “sciupava” per l’intensità della vita che conduceva, comincia sciuparsi per il dolore, e per il rimpianto. Mai, però, per il rammarico di essersi lasciata coinvolgere in una storia finita male: pur se lasciata, non se ne pente mai, nemmeno per un attimo. Lei, certo, avrebbe voluto che continuasse: ma sotto sotto, sapeva già che non sarebbe andata avanti per sempre. Era una storia troppo fuori del normale non per essere vera (perché vera lo era): ma per essere “eterna”. Il rapporto con lo sciupafemmine lascia dunque dietro di sé un bel ricordo. Nella memoria di molte donne il periodo trascorso con lo sciupafemmine, lungo o breve che sia stato, è quello in cui si sono sentite più vive. D’altra parte, a lui non hanno nulla da rimproverare: lui le ha amate con totale adesione e partecipazione. In perfetta buona fede: fino a quando si è innamorato di un’altra. Così, naturalmente: senza averlo preordinato, né previsto, è stato colpito di nuovo dalla freccia di Cupido, per il quale evidentemente è un bersaglio facile.

google html
ads banners